top of page

Portare in essere il glicine

In Giappone l’atto di “unire la piega delle mani”, (shiwa awase = shiawase = felicità, fortuna) era ritenuto sinonimo di felicità, “Gassho” è la parola giapponese che significa “due mani giunte” ed è anche il mudra (in-Zou) più utilizzato nella pratica buddhista.


Attraverso le dieci dita, le mani sono collegate a precisi organi del corpo, lo spiega bene la medicina tradizionale cinese, tramite i canali energetici (meridiani) che si connettono con gli organi interni e gli arti, grazie al Ki che scorre all’interno dei meridiani permettendo così la connessione uno con l’altro.

Lo scopo del Gassho è proprio quello di ricollegarci con il Tutto.

Il Ki può essere spostato dalla mente, dove l’attenzione va e si concentra, anche il Ki scorre e la segue.


I grappoli del glicine che pendono verso il basso in piena fioritura e i rami di questa

vite sembrano abbassare il capo in segno di umiltà, sincero rispetto, supplica garbata e riflessione religiosa in riferimento a Buddha.

Per questo motivo, troveremo il glicine sempre presente nei templi dedicati al buddismo shin, ed è con questa immagine che nel sumi-e andiamo a rappresentare il glicine.


Il prossimo weekend sabato 22 e domenica 23 gennaio 2022 orario 14 - 15.30

staremo insieme per praticare il Sumi-e Experience Workshop con il tema del glicine.


A questo link puoi iscriverti e ti ricordo che se lo hai già fatto on-line o in presenza, puoi tornare a frequentarlo gratuitamente ( scopri tutto).


Ti aspetto

Filippo



Comments


Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
bottom of page